Hai già prenotato?   Orari & info

Dettaglio Biglietto

Gruppi - Villa Campolieto
Include visita guidata
Minimo 15 visitatori

7,00 €

prezzo Tariffa Intera

  Indietro   Seleziona
Ai prezzi esposti saranno applicati eventuali diritti di prevendita, per maggiori dettagli prosegui con le tue scelte

Biglietto comprensivo di guida in italiano specializzata della Fondazione e la visita al Parco sul Mare della Villa Favorita con annessa casina dei mosaici.

Cosa aspettarsi

Biglietto comprensivo di guida in italiano specializzata della Fondazione e la visita al Parco sul Mare della Villa Favorita con annessa casina dei mosaici.

 

Villa Campolieto 

Introduzione

Era il 1738 quando Carlo di Borbone e Mariamalia di Sassonia, sua moglie, scelsero Portici per costruire una nuova reggia e per dare inizio agli scavi della città romana di Herculaneum. Il rigoglioso bosco fiorito sul fiume di lava, il golfo racchiuso dalle isole di Capri, Ischia, e Procida, la mole del vulcano in continua attività e le rovine romane che venivano dissepolte, già singolarmente attrattive senza concorrenti, confluivano in un insieme irripetibile. Da quel momento tutti i nobili napoletani seguirono la corte dei Borbone e innalzarono nella zona costiera ai piedi del Vesuvio, una o più ville per il periodo estivo, creando un complesso architettonico unico al mondo per quantità e bellezza: le 122 Ville Vesuviane, un dialogo tra natura e artificio, mare e vulcano, rococò e neoclassicismo. Nella zona compresa tra i confini del comune di Ercolano, la concentrazione delle Ville Vesuviane è densa e di particolare prestigio per l’importanza, nell’economia del Regno di Napoli, dei committenti, tanto che il tratto di strada che le vede in successione viene denominato Miglio d’Oro: edifici costruiti da architetti quali Luigi Vanvitelli, Ferdinando Fuga, Ferdinando San felice, Domenico Antonio Vaccaro, completati da vasti giardini che lambivano la costa e decorazioni pittoriche realizzate da grandi artisti. Le fughe prospettiche dei colonnati, le figure allegoriche e i ritratti dell’ambiente circostante venivano dipinti con l’intento di vivere il contatto con la natura anche stando all’interno dei palazzi. Antichi microcosmi dedicati al piacere, tappe irrinunciabili del Gran Tour dalle quali si poteva godere contemporaneamente della vista sul mare e di quella sul vulcano che, dopo vari decenni di abbandono, attenti e rigorosi restauri hanno restituito alla vita, diventano ora cornice unica ed eccezionale, per eventi culturali di ogni genere in cui la storia e il piacere sono l’aria che si respira.

 

Villa Campolieto

Sorta in una posizione fra le più felici e suggestive, a valle della borbonica strada delle Calabrie, non lontano dalla Reggia di Portici e contigua alla Villa Favorita, Villa Campolieto venne edificata per volontà del Principe Luzio De Sangro, Duca di Casacalenda che nel 1755, affidò il progetto e l’esecuzione dei lavori a Mario Gioffredo.

 

Costretto ad abbandonare l’opera intorno al 1760 fu sostituito da Luigi Vanvitelli che, dal 1763 al 1773 (anno della sua morte) ne diresse i lavori, completati nel 1775 dal figlio Carlo. La Villa Campolieto, acquisita nel 1977 dall’Ente per le Ville Vesuviane, oggi Fondazione, dopo 6 anni di restauro è stata riportata al suo primitivo splendore e restituita alla pubblica fruizione. L’edificio è impostato a pianta quadrata, articolando i quattro blocchi di una galleria centrale a croce greca, e si sviluppa su cinque livelli. La facciata posteriore della Villa si apre con un portico ellittico a colonne toscane che forma un belvedere coperto e si conclude con un magnifico affaccio al mare con una vasca e una scala a forma ellittica che unisce il corpo di fabbrica al giardino sottostante. A sinistra, l’imponente scuderia ideata dal Gioffredo, con volte a crociera e pilastri in piperno. Il Vanvitelli “stravolgendo il disegno originario del Gioffredo” ridisegna completamente lo scalone della Villa, creando un rampante centrale e due laterali sul modello sperimentato a Caserta, arricchendolo con un mascherone e una grottesca situati nel lato interno dell’arco d’ingresso e da sei nicchie che scandiscono la salita al piano nobile contenenti delle statue a soggetto mitologico, il vestibolo poi, si presenta con un atrio coperto a cupola e fiancheggiato da due nicchie absidali. La sua funzione era quella di accogliere e di indirizzare gli ospiti nei diversi ambienti dell’appartamento. Dalla stanza chiamata “Cannocchiale” per la sua caratteristica conformazione, si accede nelle sale private della famiglia, giungendo poi nella sala da pranzo, sicuramente una delle stanze più suggestive della villa, ideata dal Gioffredo a forma quadrata con soffitto a botte, veniva stravolta dal Vanvitelli che raccogliendo i voleri del padrone di casa, la rendeva circolare con una tecnica cosiddetta “Incannucciata”, che consiste in una nervatura in legno, sovrapposta con canne da bambù, ingessata e poi affrescata.

 

L’affresco, che decora l’intera stanza, opera del Fischetti e del Magrì, riproduce la struttura portante raffigurante un gazebo ricoperto da un vitigno coltivato nei fondi del principe e dove la famiglia amava oziare con gli ospiti nelle belle giornate estive. Con le spalle alla finestra, osservando l’affresco da destra verso sinistra, incontriamo dapprima un gruppo di persone che giocano a carte tra cui il De Sangro, a seguire sullo sfondo le isole del golfo, e superata la porta possiamo vedere uno dei pochi autoritratti su affresco del Vanvitelli che scruta il cielo con il monocolo. Le porticine di servizio si mimetizzano con l’affresco di cui parte è andato perduto insieme ad una delle quattro stagioni raffigurate agli angoli della sala. La sala “degli Specchi”, situata in quest’ala del palazzo, era uno studiolo femminile, come si deduce dai colori tenui, in cui ci si intratteneva a conversare prima di entrare nel salone delle feste. Anche se la costruzione delle ville vesuviane del XVIII secolo era concepita in modo da privilegiare la fruizione esterna a quella interna, grande importanza veniva data al Salone delle Feste. In quel che rimane dell’affresco del soffitto a botte, s’intravedono figure mitologiche con festoni, amorini e architetture portanti. Gli affreschi alle pareti, riproducono il mito di Ercole con otto medaglioni raffiguranti la sua vita, due nicchie con le statue di Ercole e Cupido, mentre nelle lunette sovrastanti le porte sono raffigurate l’Abbondanza e la Sapienza. Uscendo sul terrazzo si può ammirare una delle più suggestive e panoramiche vedute sul Golfo di Napoli, da Posillipo a Ischia, per giungere a Capri e alla Penisola Sorrentina. Sui due lati del ballatoio si diramano due scale che conducono alla passeggiata scoperta del porticato, dirigendosi a destra s’intravedono quattro garitte  che delimitavano una peschiera e che fungevano da riparo dal sole mentre si pescava. Sullo sfondo lo sguardo si apre verso il bosco della Reggia di Portici e l’area archeologica ercolanese. Affacciandoci al centro della passeggiata, ammiriamo l’architettura disegnata dalla scala ellittica che conduce alla fontana e al Palmeto. Proseguendo nella passeggiata e volgendo le spalle al mare, ammiriamo il Vesuvio che domina il paesaggio con la sua imponenza, sulla stessa prospettiva Villa Ruggiero, a destra Villa Favorita.

   

Ville Vesuviane

Il turismo nel segno della Bellezza.

Sono 122 gli immobili monumentali settecenteschi, compresi nel territorio dei Comuni di Napoli, San Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano e Torre del Greco. I notevoli miglioramenti attuati negli ultimi cinquanta anni, grazie agli interventi mirati dell’Ente per le Ville Vesuviane, ora Fondazione hanno restituito una nuova dignità all’immenso patrimonio costituito dalle ville del XVIII secolo.

Era il 1738 quando Carlo di Borbone e Mariamalia di Sassonia, sua moglie, scelsero Portici per costruire una nuova reggia e per dare inizio agli scavi della città romana di Herculaneum. Da quel momento tutti i nobili napoletani seguirono la corte dei Borbone e innalzarono nella zona costiera ai piedi del Vesuvio alcune ville per il soggiorno estivo, creando un complesso architettonico unico al mondo per quantità e bellezza: le 122 Ville Vesuviane.

Nella zona compresa entro i confini del comune di Ercolano, la concentrazione delle Ville Vesuviane si intensificò e divenne di particolare prestigio, tanto che fu denominato Miglio d’Oro il tratto di strada che costeggia gli edifici costruiti da architetti quali Luigi Vanvitelli, Ferdinando Fuga, Domenico Antonio Vaccaro, Ferdinando San Felice, completati da vasti giardini e da decorazioni pittoriche realizzate da grandi artisti.


Alcuni di questi edifici monumentali dopo un attento e rigoroso restauro, sono attualmente sotto la diretta tutela e gestione della Fondazione e costituiscono le sedi nelle quali viene svolta l’attività istituzionale e innumerevoli eventi e iniziative culturali: la Villa Campolieto, il Parco sul Mare della Villa Favorita, la Villa Ruggiero a Ercolano e la Villa delle Ginestre a Torre del Greco.

Caratteristiche

Durata: 1 ora
Visitatori: Minimo: 15 | Massimo: 100
 Guide:
Italiano Italiano (Minimo visitatori: 15)
Orari: mar - ven 10-18 sab - dom 10 - 13 ogni 60 minuti
Attenzione
Questo biglietto prevede avvertenze
Leggi  
  • Salta la fila
    Acquistando on-line questo biglietto, non dovrai attendere in fila per l'acquisto, riducendo notevolmente i tempi di attesa
  • Data/orario flessibili
    Puoi cambiare la data e l'orario di ingresso entro un certo limite dalla scadenza del biglietto
  • Voucher su cellulare
    Puoi convalidare il biglietto direttamente dal tuo Smartphone/Tablet, tramite la versione digitale del biglietto elettronico
  • Biglietto con guida
    Una guida ti accompagnerà durante la visita alla struttura per rendere completa la tua esperienza
  • Visita di gruppo
    Questa visita è riservata a gruppi di persone, non è possibile acquistare questo biglietto sotto il minimo consentito di visitatori

Prezzi

Tariffa Intera
7,00 €
Ai prezzi esposti saranno applicati eventuali diritti di prevendita, per maggiori dettagli prosegui con le tue scelte

Come raggiungere la struttura

Corso Resina, 283 - 80056 Ercolano (NA)
Circumvesuviana - Fermata Ercolano Miglio d'Oro
A piedi 800 metri, 10 minuti
Circumvesuviana - Fermata Ercolano Scavi
A piedi 1.1km , 14 minuti
Auto - Autostrada A3, uscita Ercolano
Parcheggio interno gratuito

Gli orari di apertura della struttura

10:00 - 18:00  |  da Martedì a Domenica

Contatti biglietteria on-line

shop@visitarevillevesuviane.net

Contatti struttura

+39 081 5518957
info@villevesuviane.net